Vai al contenuto

Indigofilm.it

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK

Il ragazzo invisibile vince l'EFA Young Audience Award 2015

 

Il ragazzo invisibile di Gabriele Salvatores ha vinto il premio EFA Young Audience Award 2015. Si tratta di un riconoscimento assegnato da una giuria di ragazzi tra i 12 e i 14 anni residenti in 25 Paesi europei. Dopo aver visionato i tre film finalisti, Il ragazzo invisibile (Italia), You're ugly too di Mark Noonan (Irlanda) e My skinny sister di Sanna Lenken (Svezia), si sono raduntai nei rispettivi cinema e ieri sera hanno votato il vincitore trasmettendo il dato nazionale in video conferenza alla sede centrale a Erfurt (Germania), da dove si stava trasmettendo la diretta streaming dell'EFA Young Experience Award.

Quasi tutti i giovanissimi giurati di Aalborg/Denmark, London/UК, Tallinn/Estonia,Amsterdam/Netherlands, Prizren/Kosovo, Erfurt/Germany, Athens/Greece, Riga/Latvia, Istanbul/Turkey, Barcelona/Spain, Sofia/Bulgaria, Izola/Slovenia, Belgrade/Serbia, Malmo/Sweden, Kiev/Ukraine, Bratislava/Slovakiа, Tbilisi/Georgiа,Valletta/Malta, Budapest/Hungary, Tel Aviv/Israel, Zagreb/Croatia, Cluj-Napoca/Romania,Turin/Italy,Wroclaw/Poland hanno scelto Il ragazzo invisibile di Gabriele Salvatores come miglior film.

“Sono molto contento di questo premio dell’European Film Award. Abbiamo fatto un film che gioca con un immaginario moderno e che attraversa varie generazioni,ma che si rivolge principalmente ai ragazzi. E i ragazzi europei ( tra i 12 e i 14 anni,in 25 citta’ del nostro continente ) hanno scelto di premiare come miglior film europeo proprio Il ragazzo invisibile! In Italia non si fanno molti film per le nuove generazioni ed e’ per questo che ci rende particolarmente orgogliosi il fatto che sia proprio un film italiano che si nutre di storie, personaggi e miti contemporanei, a vincere lo Young Audience Award European Film Academy. Il Cinema italiano, lo vediamo da molti segnali in questo momento,ha ancora parecchio da dire.” Gabriele Salvatores

“Dal momento in cui abbiamo cominciato a scrivere, abbiamo sempre desiderato fare un film per i ragazzi e che siano proprio loro adesso a darci questo riconoscimento ci riempie d'orgoglio” ha detto da Erfurt al momento del ritiro del premio Stefano Sardo, sceneggiatore del film insieme a Ludovica Rampoldi e Alessandro Fabbri.